31 maggio 2011

Salvatore Ferragamo - A Wedge Story

Salvatore Ferragamo, avellinese di nascita, americano e poi fiorentino d'adozione, è stato e tuttora rimane uno dei più grandi visionari del mondo della moda.
Diventato famoso nel mondo soprattutto come stilista di calzature (erano conosciuto col soprannome di "shoemaker of dreams"), nel realizzare le sue creazioni teneva sempre a mente il binomio bellezza-comodità, fattore che lo portava quindi a curare il tutto nel minimo dettaglio.
Genio indiscusso, le sue creazioni erano vere e proprie opere d'arte.
Diventò famoso negli anni '20, quando si trasferì in America, e sin da subito divenne lo stilista preferito di icone del cinema come Audrey Hepburn e Marlene Dietrich.
Nel 1938 brevettò il primo modello di zeppa, calzatura che lo ha consacrato nell'olimpo degli stilisti d'eccellenza. L'idea della zeppa nacque principalmente per ragioni di funzionalità: infatti Ferragamo, a causa di sanzioni economiche imposte all'Italia, non potè più acquistare dalla Germania l'acciaio col quale realizzava le lamine che erano la struttura portante delle sue scarpe e sostenevano l'arco del piede.
Per ovviare al problema, Ferragamo andò alla ricerca di materiali sostitutivi:

“Cominciai a lavorare con pezzi di sughero sardo pressando, incollando, fissando e rifinendo, finché lo spazio tra la suola e il tacco non fu riempito”.


An early Wedge Shoe model - 1938
a colorful wedge model - 1938
Una zeppa dal tacco orientaleggiante - 1938

Sandalo con zeppa di sughero intrecciata - 1938/40
Un modello del 1939
Un modello preziosamente decorato - 1939
Stivaletto con tacco a zeppa - 1939
Un modello del 1940
Un modello del 1941
Un modello coloratissimo del 1942
Un modello rosso fuoco del 1942
Sandalo con tacco a zeppa del 1947
Un sofisticato modello del 1950
Negli anni, oltre al sughero, lo stilista utilizzò altri materiali come la paglia o il legno, e accanto al modello classico creò tantissime varianti: zeppa a tacco, a piattaforma, a strati pressati o bombati, scolpite o dipinte, decorate con l'antica tecnica del mosaico o addirittura con grate in ottone lavorate a girali floreali e tempestate di pietre (il tacco a gabbia è un'altra sua invenzione!)
Senza volerlo Salvatore Ferragamo si ritrovò a disposizione una superficie più ampia, rispetto al tacco e alla tomaia delle classiche decolletèes, su cui sbizzarrirsi e dare libero sfogo al suo estro creativo.
Prima della sua morte (avvenuta nel 1960), lo stilista realizzò circa 350 brevetti e disegnò più di 20.000 scarpe. Questo ricchissimo patrimonio è religiosamente custodito dai figli e dai nipoti, che portano avanti la tradizione della prestigiosa casa di moda e la esportano con orgoglio nel mondo.

Un modello recente e coloratissimo
Le zeppe di Salvatore Ferragamo oggi
Zeppe dalla sfilata Salvatore Ferragamo S/S 10
Salvatore Ferragamo
Foto reperite su Google e Neretto blog.

19 commenti:

  1. Che meraviglia! Queste sono vere e proprie opere d'arte! Scarpe con la "s" maiuscola... Un post bellissimo, esauriente e completo. Brava!

    RispondiElimina
  2. Ciao bellissimo post. Amo le scarpe e d'estate adoro portare le zeppe, sono comode e mi danno quei 10 e più cm di cui ho proprio bisogno!

    Ti seguo, spero ricambierai!! :))))

    http://sweetpinkmacaron.blogspot.com/

    RispondiElimina
  3. un genio... che dire di più...
    xoxo Chiara

    http://irisandclaire.blogspot.com/

    RispondiElimina
  4. oddio i modelli del 38 e del 40 erano osceni :D ahha bel post Gretina! Tu si che sei una fashion blogger con le balls ♥

    RispondiElimina
  5. Lui era veramente un genio...l'ho portato all'esame di economia aziendale 2 :) Complimenti per il post!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Grazie mille Susy & Retsy...siete sempre carinissime e dolci :)
    Concordo con tutte voi..più opere d'arte che oggetti di moda.
    I modelli del 47 e del 50 mi piacciono un sacco, ma altri meno recenti penso che siano attualissimi: basta vedere lo stivaletto del 39! Zara li ha riproposti da poco :)
    Un precursore, come tutti i grandi!

    RispondiElimina
  7. bellissimo questo post! ho scoperto molte cose che non sapevo! :) se ti va passa da me! baci :)

    RispondiElimina
  8. Le prime zeppe mi piacciono molto!
    Che dire, complimenti! Sei davvero bravissima tesoro!

    RispondiElimina
  9. Mamma mia che scarpeeeeee...non soò se e indosserei mai, però sono davvero originali!!!
    Ti seguo, passa da me e fallo anche tu se ti va!!!!
    baci Elena.

    RispondiElimina
  10. Hi there! you have a great blog! love your style, please check out my blog and follow if you like, I promise to do the same! xx
www.lovejoice.blogspot.com

    RispondiElimina
  11. AMO il TUO BLOG E AMO SALVATORE FERRAGAMO!!!
    Se ti va passa dal mio Blog e Seguimi :)

    http://martinamarchetti.blogspot.com/

    RispondiElimina
  12. Mi piace questo post, ben fatto e con immagini molto belle.
    I post con un po' di storia della moda sono sempre belli e interessanti da leggere, per rinfrescarsi un po' la memoria.

    Sara Ottavia C.

    RispondiElimina
  13. Bel post!
    Quanta differenza tra le calzatura di allora con quelle di ora... Che storia!

    RispondiElimina

In Moda Veritas | Fashion with a bit of irony ♡

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...