25 maggio 2011

Cult Bags || Chanel 2.55

NOME: 2.55
MAISON: Chanel
MISURE: 4 (piccola, media, grande e jumbo)
MODELLI: 2.55 classic flap, 2.55 reissue e 2.88.
COLORI: nero, blu, bianco ottico, crema, verde, rosso, giallo, viola, rosa, grigio, arancione, marrone.
MATERIALI: pellami (agnello, vitello scamosciato, capretto scamosciato, vitello grainé); coccodrillo (il ventre); struzzo; satin; velluto; gros grain; tweed; flanella; spugna; tela canvas.
PREZZO: 1300€ (small), 1900€ (medium) 2400€ (big). Prezzi più alti per i modelli jumbo, in coccodrillo e altri materiali pregiati.


 LA STORIA


Funzionalità, versatilità, libertà, stile. Questi erano i dettami che distinguevano le collezioni di Gabrielle Bonheur Chanel: madame Coco voleva che le donne si sentissero belle, libere e a loro agio; pertanto le abbigliava e le accessoriava in modo che potessero esprimere al meglio questa loro indipendenza ed emancipazione
Nel Febbraio del 1955, sull'onda di un'idea che aveva già negli anni '30, nacque quella che sarebbe diventata (ed è tuttora) un'icona, LA borsa per eccellenza: la 2.55.
Il concept della 2.55 era quello di una borsa che lasciasse libere le mani per permettere alle donne di destreggiarsi tra i mille impegni. Da qui il design a tracolla.
Ma la funzionalità di questo accessorio non si fermava qui: ogni dettaglio, infatti, era studiato e realizzato ad hoc e nella sua borsa c'era l'essenza di Coco Chanel: la tracolla a catena ispirata ai portachiavi dei custodi dell'orfanotrofio dove era cresciuta, l'interno color granata che ricordava le divise dell'istituto, sul retro una taschina pensata per riporvi le monete in modo da non spargerle ovunque, la chiusura sul davanti semplice e rettangolare.
Essenzialità ed eleganza si mixano e permeano da ogni centimetro della 2.55.
I primi modelli che Chanel realizzò erano in jersey (il tessuto che la rese così celebre); successivamente venne utilizzata la pelle morbidissima di agnello plongè proveniente dalla regione di Millau, nel centro della Francia.


Nel 1983, quando Karl Lagerfeld divenne direttore creativo della maison, operò un piccolo restyling alla 2.55 per renderla più attuale, conservando però le caratteristiche distintive.
Tenendo presente la massima di Goethe « Crea un futuro migliore dai grandi elementi del passato », Lagerfeld si limitò ad intrecciare una striscia di pelle alla catena della tracolla e ad aggiungere le due "C" intrecciate sulla chiusura davanti: ecco come nacque la 2.55 Classic Flap.
Una curiosità: i modelli classici in pelle (nera o blu) hanno la fodera color granata, mentre per tutti gli altri colori, ad eccezione del verde che la ha in nero, la fodera è ton-sur-ton. I modelli in jersey nero, invece, hanno la fodera rossa di gros grain.

Nel 2005, in occasione dei 50 anni della 2.55, Karl Lagerfeld ha riproposto il modello originario creato da Coco Chanel chiamandolo 2.55 Reissue e una riedizione della classica 2.55, chiamata 2.88, che ha riscosso molto successo.


LA LAVORAZIONE

La lavorazione che porta alla creazione di una Chanel prevede un lavoro lungo e accurato, che unisce le tecnologie più avanzate ad uno squisito lavoro artigianale.
La composizione di una 2.55 prevede circa 180 operazioni dal taglio, all'assemblaggio fino al confezionamento della borsa.
Per realizzare l'iconica superficie in matellassè le pelli vengono tannate, tinte in botte e lasciate asciugare all’aria. Vengono poi sottoposte a diversi test, come la perdita del colore, la lacerazione del fiore, la resistenza ai raggi UV e via dicendo. Successivamente la pelle viene rivoltata e si procede a realizzare le impunture a rombi.
Occorrono in media 18 ore di lavorazione per realizzare un'unica borsa: siamo di fronte, quindi, alla produzione di pezzi che sono unicum e non seriali.
I 2/3 della produzione vengono realizzati negli stabilimenti francesi, mentre il restante terzo è prodotto in Italia.

Inutile dire che Coco Chanel (e Karl Lagerfeld) hanno trasformato in realtà la borsa-sogno di qualunque donna, creando un cult che di anno in anno non passa mai di moda e resta. Come lo stile.


Foto e informazioni prese da Google.

15 commenti:

  1. Post interessantissimo, adoro madame Coco e la sua storia, e adoro questa borsa!!!
    kiss
    www.myfashionsketchbook.com

    RispondiElimina
  2. CIAO cara grazie per essere passata da me. post stupendo. prima o poi so che sarà mia, ho sempre pensato che sarebbe stata nera ma ieri mentro ero in metro fantasticavo di prenderla rossa. chissà magari l'anno prossimo sarà quello buono? speriamo.
    un bacio

    winterbag.blogspot

    RispondiElimina
  3. Bonjour!!!
    J adore ce sac!!! Tres beau!!!
    Biz

    Angela Donava
    http://www.lookbooks.fr

    RispondiElimina
  4. Tralasciando il prezzo - un pò troppo eccessivo per i miei gusti- credo sia stupenda. la versione rosa l'adoro. quella bianca un pò meno!
    [passa da me]

    RispondiElimina
  5. La borsa è fantastica praticamente indistruttibile, è per sempre. Peccato per la contraffazione che è, ormai, all'ordine del giorno. Magnifico post!

    RispondiElimina
  6. Intramontabile...
    Penso che oggi come oggi opterei per un colore forte, come quel vinaccia che hai postato ad esempio.
    Baci.

    RispondiElimina
  7. @Eva: anch'io, nonostante sia fan degli evergreen e ritenga che nera/bianca sia un must-have, ora come ora la prenderei di un colore che la faccia distinguere nella folla: rossa, gialla o verde!

    Grazie a tutti per i complimenti!

    RispondiElimina
  8. Questo e' senz'altro il miglior post che abbia mai letto sulla 2.55!
    Davvero dettagliato ed interessante :-)

    RispondiElimina
  9. se posso permettermi la versione con la tracolla intrecciata con la pelle non è di Lagerfeld, ma le prime 2.55 già erano così, basti guardare delle foto degli anni '50.. tra le più celebri la foto di Marie-Helene Arnaud
    ciao!

    RispondiElimina
  10. sapete dirmi se per caso la chanel media 2.55 ha l'interno rosso??

    RispondiElimina
  11. Girellando sui fashion blog che seguo ho trovato il tuo, e questo post mi è piaciuto particolarmente: è interessante e ben fatto. Ogni tanto ci vuole un po' di storia della moda (e non solo foto e foto di outfit personali come è in voga in troppi blog) un fashion bog deve essere anche questo.Penso che tornerò qui con piacere : )
    un saluto
    Alessandra
    ps sul mio post di oggi parlavo proprio di Chanel... versione make up : )
    http://stylosophia.wordpress.com

    RispondiElimina
  12. شركة نقل عفش
    اهم شركات مكافحة حشرات بالخبر كذلك معرض اهم شركة مكافحة حشرات بالدمام والخبر والجبيل والخبر والاحساء والقطيف كذلك شركة رش حشرات بالدمام ومكافحة الحشرات بالخبر
    شركة مكافحة حشرات بالدمام
    شركة تنظيف خزانات بجدة الجوهرة من افضل شركات تنظيف الخزانات بجدة حيث ان تنظيف خزانات بجدة يحتاج الى مهارة فى كيفية غسيل وتنظيف الخزانات الكبيرة والصغيرة بجدة على ايدى متخصصين فى تنظيف الخزانات بجدة
    شركة تنظيف خزانات بجدة
    شركة كشف تسربات المياه بالدمام
    شركة نقل عفش واثاث

    RispondiElimina
  13. شركة نقل عفش بالرياض وجدة والدمام والخبر والجبيل اولقطيف والاحساء والرياض وجدة ومكة المدينة المنورة والخرج والطائف وخميس مشيط وبجدة افضل شركة نقل عفش بجدة نعرضها مجموعة الفا لنقل العفش بمكة والخرج والقصيم والطائف وتبوك وخميس مشيط ونجران وجيزان وبريدة والمدينة المنورة وينبع افضل شركات نقل الاثاث بالجبيل والطائف وخميس مشيط وبريدة وعنيزو وابها ونجران المدينة وينبع تبوك والقصيم الخرج حفر الباطن والظهران
    شركة نقل عفش بجدة
    شركة نقل عفش بالمدينة المنورة
    شركة نقل اثاث بالرياض
    شركة نقل عفش بالدمام

    RispondiElimina

In Moda Veritas | Fashion with a bit of irony ♡

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...