17 febbraio 2014

Exhibitions || "La camicia bianca secondo me. Gianfranco Ferré" secondo me

Buon lunedì e buon inizio di settimana a tutti, ragazzi. Con estremo ritardo oggi finalmente vi racconto di una mostra che ho avuto il piacere e il privilegio di poter gustare in anteprima.
La mostra in questione è "La camicia bianca secondo me. Gianfranco Ferré", che resterà aperta al pubblico fino al 15 giugno e che è organizzata dalla Fondazione Museo del Tessuto di Prato in collaborazione con la Fondazione Gianfranco Ferré.


La mostra è stata voluta fortemente da entrambe le fondazioni per celebrare ancora una volta l'eccellenza del made in Italy, il bello e la tradizione del saper fare che ci contraddistingue in molti campi, la moda in primis, anche se spesso e volentieri sembriamo dimenticarcene.

Concepita con l'intento di mettere in luce la maestria sartoriale e l'aspetto progettuale del lavoro di Ferré, la mostra ci porta alla scoperta della camicia bianca attraverso diverse chiavi di lettura e infinite vie interpretative. Gli aspetti su cui si è voluto porre l'accento sono due: la progettualità e la camicia bianca stessa.
"Progetto" è infatti la parola chiave della mostra, quella a cui si può far ricondurre l'intero lavoro di Gianfranco Ferré. E' infatti con una visione progettuale e rigorosa che il compianto stilista costruiva, plasmava e realizzava le sue creazioni.
La camicia bianca, invece, è un capo iconico, il fil rouge che lega tutte le creazioni di Ferré, onnipresente in tutte le sfilate, imitata e celebrata negli anni e in molteplici maniere.
La camicia bianca è vista come un atlante dalle pagine bianche che si possono piegare in differenti modi e stili per ottenere sempre qualcosa di nuovo; nella moda la camicia è un indumento con dei canoni fissi, nato e concepito come capo da sotto; il talento e il genio creativo di Ferré si notano quindi nella sua capacità di saper rinnovare di volta in volta un capo semplice e a prima vista quasi scontato, dando vita a opere d'arte, progetti tridimensionali, capaci di combinare in modo ineccepibile misura e rigore con l'estro creativo e la fantasia.


Sono 27 le camicie scelte dalla Fondazione Museo del Tessuto di Prato e dalla Fondazione Gianfranco Ferré per veicolare all'esterno l'anima progettuale dello stilista, un numero che è del tutto casuale e a cui si è approdati semplicemente scartando le camicie preziose, realizzate con cristalli, pizzi e ricami lussuosi, in favore di quelle a prima vista più rigorose, semplici e lineari, ma da cui emerge lo studio dei volumi compiuto da Ferré. Tutto è preciso, voluto. Nulla è lasciato al caso, così come non lo è la scelta di aver destinato al Museo del Tessuto di Prato il compito di trasformarsi nella dimora che accoglie questa mostra.
Il tessuto della camicia come ricordo, memoria di ciò che è stato e punto di partenza per creare il futuro.

La mostra si apre con un sistema sospeso di teli su cui scorrono macro-installazioni fotografiche, realizzate con simulazioni x-ray, che offrono una lettura tecnica e al contempo poetica di ogni camicia, mettendo in evidenza le texture e le stratificazioni dei tessuti.
Questo tipo di resa fotografica, presentata per la prima volta come chiave di interpretazione dei contenuti di una mostra di moda, è realizzata dal fotografo fiorentino Leonardo Salvini in collaborazione con l'Opificio delle Pietre Dure di Firenze.
Nella sala attigua, delicatamente illuminata, si trova il cuore della mostra: le ventisette camicie, posizionate sui manichini come un esercito bianco, saldo e compatto, ma al cui interno si distinguono facilmente le singole individualità, ognuna con la propria anima e la propria storia da raccontare.
Lungo i lati della stanza, a corollario dei capi indossati su manichino, è possibile ammirare disegni, dettagli tecnici, bozzetti, fotografie, immagini pubblicitarie e redazionali, video e installazioni.
Un sistema di macro proiezioni chiude infine la mostra, presentando un montaggio di sequenze delle sfilate più importanti di Gianfranco Ferré, dal 1978 al 2007. In questo modo le camicie fisse sui manichini riprendono vita indosso alle modelle, che le esaltano e celebrano sulla passerella.

La mostra "La camicia bianca secondo me. Gianfranco Ferré" è accompagnata da un libro-catalogo, edito da Skira e curato da Luca Stoppini, tra le altre cose anche direttore creativo de L'Uomo Vogue, che ha reinterpretato le camicie con nuove immagini fotografiche dando loro un'accezione contemporanea e attuale di forte impatto. Il mito di Gianfranco Ferré così rivive.

Vi invito caldamente ad andare a vederla perché dire che merita è un eufemismo. Trovate il programma dettagliato della mostra e tutte le informazioni e materiali utili sul sito del Museo del Tessuto.


To stay updated on all my blog posts, follow In Moda Veritas also on:

12 commenti:

  1. davvero fantastiche qst camicie...ottimo post!

    RispondiElimina
  2. E' stata una mostra assolutamente interessante, sono davvero felice di averla potuta vedere in anteprima!!
    A parte la scelta delle camicie che era molto azzeccata per mostrare l'estro architettonico di Ferré, devo dire che ho apprezzato molto anche come sono state esposte le creazioni!

    XOXO

    Cami

    RispondiElimina
  3. Ho letto tantissime recensioni positive di questa mostra, e la tua non fa che confermarne la bellezza!
    xoxo
    G

    RispondiElimina
  4. ho letto che ancora durera' qualche settimana e dopo aver viste tutte le vostre foto non me la voglio far scappare!!! mostra splendida!giuly
    www.thefashionmamas.com

    RispondiElimina
  5. Wow!
    Delle vere e proprie opere d'arte! Che meraviglia!
    Grazie per il tuo reportage... ;-)
    E complimenti per il tuo fashion blog!
    Vieni a trovarci su NEW RED BAG !
    Ciao ciao
    Cri&Fra

    RispondiElimina
  6. bellissima mostra, devo organizzarmi per visitarla!

    RispondiElimina
  7. Bellissima questa mostra! mi piace un sacco questo articolo
    www.agoprime.com

    RispondiElimina
  8. Davvero stupende.. wow, una più bella dell'altra ;))

    Miss Piggy

    RispondiElimina
  9. una più bella dell'altra!!!Bellissima !!!

    RispondiElimina
  10. Non sapevo metà delle cose che hai scritto, sai? Adesso sono istruita ;)
    ... poi vabbè, che dire? Sono una più bella dell'altra! In particolare non so cosa darei per poter mettere le mani su quelle nella foto numero undici!

    eleonora % GomitoloBlu.com

    RispondiElimina
  11. Great post!

    http://closertotheedgeblog.blogspot.com/

    RispondiElimina

In Moda Veritas | Fashion with a bit of irony ♡

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...